Il laboratorio espressivo MoviMente nasce con l’intento di “stimolare” l’individuo alla ricerca ed alla scoperta del proprio io creativo attraversando diverse fasi volte a permettere la completa liberazione ed espressione della propria personalità. L’arte espressiva, l’emotività, fungono da cues profondi , stimoli indirizzati verso l’io cosciente e subcosciente ,verso la corteccia motoria, i gangli della base, verso l’essere corporale e spirituale.

Stanislavskij parlava di perizvanie ovvero di reviviscenza. La reviviscenza su cui si fonda il “sistema” di K.S. Stanislavskij consiste nel rivivere un sentimento,una emozione,una serie di sensazioni o situazioni partendo da circostanze date,eventi già vissuti,utilizzando un sottotesto emotivo. Dal “sentire”,attraverso la memoria emotiva,il se magico,la personificazione, si arriva alla realizzazione  dell’azione,alla finalizzazione del gesto e quindi alla rappresentazione. La memoria emotiva rappresenta il vissuto, le sensazioni, il bagaglio di emozioni ed  esperienze di ogni individuo. Emotività ed emozione come stimolazioni profonde per avvicinare l’io cosciente all’io subcosciente passando per l’io creativo.

La reviviscenza diviene dunque una stimolazione emotiva profonda fungendo da cue multisensoriale.

Mejerchol’d affermava invece,nella sua biomeccanica,il principio che dal gesto,dall’azione, si può giungere all’emozione, al sentimento, all’io profondo, perché l’eseguire un’azione in un contesto induce un provare delle sensazioni,emozioni, che diverranno, attraverso la liberazione da ogni costrizione mentale o freno inibitorio, sempre più libere e quindi vicine alla propria coscienza,natura,anima.

Altro importante esempio è lo studio di Orazio Costa che lo ha condotto a formulare un metodo definito Metodo Mimico. Infatti partendo dall’osservazione dei bambini ha posto l’accento sull’apprendimento di questi e su quanto tutto ciò che facciano derivi da quanto osservato . A tal proposito il maestro scriveva “l’albero,mimato e rivissuto,la nuvola,il fiore,l’acqua,il vento(anche se invisibile)diventano esperienze interiori concrete. Tanto che non solo possono manifestarsi in atti e forme,quasi danze,individuando i ritmi propri di ogni oggetto,ma possono produrre modificazioni dell’apparato respiratorio, motorio e fonatorio,che diventano capaci di emettere suoni strettamente analoghi,o meglio,riferibili,alle forme esteriormente assunte.”

Partendo da quanto citato, l’obiettivo è quindi quello di osservare le reazioni del paziente sottoposto a stimoli esterni sensitivi,motori e soprattutto di natura emotiva. Un viaggio attraverso la fantasia, immagini vissute o dettate. Come citava Mejerchol’d riferendosi al lavoro di molti attori “ascoltarsi senza una sola parola, muoversi senza un solo gesto”.

Partendo dalle ultime evidenze scientifiche in tema di Neuroni Mirror, Action Observation,Motor Imagery e quindi sull’attivazione di neuroni definiti specchio e sull’attivazione di aree della corteccia motoria,dei gangli della base e del cervelletto sia quando si effettua un  movimento e sia quando lo si osserva o solamente immagina, si effettuano esercizi volti a stimolare le diverse aree cerebrali.

Come avviene per ogni attore,danzatore,cantante, ci occupiamo del nostro “strumento” ovvero il nostro corpo. Un ruolo fondamentale in tale percorso lo ha la musica ed in particolar modo le pregevoli sonorità e composizioni di Ezio Bosso.

“Lo studio deve risvegliare nell’uomo amore e verità e nutrirli e coltivarli con grande cura e per educare l’individuo ad ascoltare ed osservare se stesso lo studio deve insegnargli la corretta respirazione,la posizione corretta del corpo,la concentrazione,la vigilanza e la facoltà conoscitiva. L’armonia a cui l’individuo deve pensare ,cioè il suo io creativo,si pone solo come risultato del lavoro unitario dell’organismo,dei pensieri e dei sentimenti” (Da Lezioni al Teatro Bol’soj di K.S.Stanislavskij)

Guarda anche:

LEMM in progress 2013 documentario realizzato per la V giornata nazionale Parkinson.
LEMM 2012  documentario realizzato per la IV giornata nazionale Parkinson
SEMENSOTICAL (LEMM experience)  Video istallazione, realizzata per la V Giornata Nazionale Parkinson 30 novembre 2013.
“Laboratorio espressivo MoviMente” docu-spot del documentario sul LEMM 2012.